BRESCIA e DESENZANO

1 Maggio 2024

Loading...

75,00 

Adulti

BRESCIA – Capitale della Cultura 2023

il centro storico

Arrivo a Brescia e visita guidata dello splendido centro storico cittadino, disseminato di antiche vestigia romane.
Capitale italiana della Cultura 2023, era nota in epoca romana col nome di Brixia, e fu una delle città più importanti della Regio X,
la provincia creata dall’imperatore Ottaviano Augusto a partire dal 7 d.C., che comprendeva l’Italia nord-orientale, dal fiume Adda fino all’Istria.
Fondata ai piedi del Colle Cidneo, venne invasa dalla tribù gallica dei Cenomani che
successivamente si schierarono a fianco dei Romani contro le altre tribù celtiche, e nell’89 a.C.,
per effetto della Lex Pompeia, fu loro concesso lo Ius Latii, ovvero la trasformazione in coloni latini col nome di Brixiani.
Sorprende ammirare in una città tanto distante da Roma, reperti così ben conservati quali il Tempio Capitolino,
patrimonio UNESCO dal 2011, accanto al quale sorge il teatro, il terzo per importanza dopo quelli di Verona e Pola.
La piazza del foro corrisponde all’antico foro romano, e costituisce la più importante area archeologica del nord Italia,
accanto alla quale sono visibili i resti delle colonne che ne abbellivano il lato orientale, creando un portico su cui si affacciavano le tabernae, ovvero le botteghe.
A chiudere la piazza sul lato meridionale, inglobata in un edificio si trova la Basilica, coeva e simile in stile al Capitolium.
Il cuore pulsante di storia della città, la Leonessa d’Italia, è rappresentato anche da altri illustri spazi quali Piazza Duomo,
un autentico spaccato di Medioevo, Piazza della Loggia, un “angolo di Venezia”, e Piazza Vittoria, in stile fascista, inaugurata nel 1932 per accogliere l’arrivo del Duce.

DESENZANO

la Villa romana

Ingresso e visita guidata dell’area archeologica che conserva i resti della villa romana di Desenzano del Garda,
la più grande testimonianza delle grandi ville romane nell’Italia settentrionale.
L’edificio, in origine affacciato direttamente sul lago, copriva una superficie di circa 11.000 metri quadrati, e ha avuto più fasi edilizie.
Quanto oggi è visibile appartiene in buona parte alla prima metà del IV secolo d.C., epoca in cui l’edificio subì una completa riorganizzazione degli spazi,
a carattere residenziale e con funzione termale.
Non si conosce il nome dei proprietari, ma è plausibile che si trattasse di Flavus Magnus Decentius,
fratello dell’imperatore Magnenzio (350-353 d.C.) da cui deriverebbe il nome attuale della città di Desenzano.
Al termine della visita, tempo a disposizione dei partecipanti nella bellissima località adagiata sulle sponde del Garda.
Pranzo libero

Partenza in autopullman da Varese ore 7.30 Gallarate ore 7.45 – Busto Arsizio ore 7.55

Scopri qui tutte le gite